Prossime aperture

Airport Trieste - Torino - Fiumicino - Frosinone - Napoli - Aversa - Crotone - Gallipoli - Salerno - Siracusa -Lamezia Terme - Cavaria - Premezzo - Torino - Roma

FIDEIUSSIONI E CAUZIONI*

La fideiussione è un negozio giuridico con il quale un soggetto (garante) si impegna nei confronti di un creditore (beneficiario) a soddisfare l’obbligazione assunta da un debitore, nel caso quest’ultimo non adempia agli impegni (di “dare” e/o di “fare”) sottoscritti.
La volontà del garante, che è soggetto terzo rispetto a creditore e debitore, si esplica attraverso la sottoscrizione dell’atto di fideiussione.
L’atto di fideiussione è dunque un “contratto” sottoscritto da tre figure:
  • un contraente (o debitore);
  • un beneficiario (o creditore);
  • un garante (fideiubente).
Il garante è colui che offre garanzie per conto del contraente (debitore) nei confronti del beneficiario (creditore).
Esistono principalmente 2 tipi di fideiussioni:
  • a garanzia del "dare" (es: pagamenti derivanti da un contratto di locazione, da contratti di fornitura, dilazioni, rateazioni, etc);
  • a garanzia del "fare" (es: esecuzione di un lavoro, fornitura di beni o servizi, etc).
In Italia i principali soggetti attualmente autorizzati al rilascio di fidejussioni e cauzioni sono:
  • le Banche
  • le Compagnie di Assicurazione
  • i Consorzi Collettivi di Garanzia Fidi (confidi, iscritti ad albi specifici della Banca d'Italia).
  • le Società Finanziarie (iscritte agli albi 106 e/o 107)
Le Fideiussioni Bancarie
Emesse da istituti di credito sono le più difficili da ottenere e anche le più onerose. Spesso vengono rilasciate solo previo deposito di titoli o conti vincolati a favore della banca stessa, a copertura parziale e/o totale della fideiussione. Inoltre, l’importo della garanzia oggetto di fideiussione va a congelare, in tutto o in parte, l’eventuale fido già a disposizione del richiedente e concesso dalla banca per altre attività/necessità dello stesso. Infine, il rilascio di una fideiussione bancaria è soggetto ad apposita segnalazione alla centrale rischi, limitando di fatto la possibilità del richiedente di ottenere altri finanziamenti o linee di credito presso altri intermediari finanziari (banche, assicurazioni, società finanziarie, etc.).
Le Fideiussioni Assicurative
Emesse da imprese di assicurazione, sono di norma meno onerose di quelle bancarie e non alterano la capacità del richiedente di ottenere altri finanziamenti o linee di credito sul mercato finanziario. Ultimamente le imprese di assicurazione hanno ridotto il campo di operatività nel settore delle fideiussioni, limitandolo al rilascio di garanzie solo a favore di beneficiari “Enti/Soggetti Pubblici” . Spesso, per alcune tipologie di fideiussione chiedono controgaranzie sotto forma di polizze di capitalizzazione vincolate a loro favore.
Le Fideiussioni Finanziarie.
Sono rilasciate da “società finanziarie” iscritte negli appositi albi (ex art. 106 e art. 107), tenuti dalla Banca d’Italia, di cui al Dlgs 1 settembre 1993 n.385 (testo unico bancario).
Vengono utilizzate prevalentemente nelle garanzie tra privati.
Le fideiussioni rilasciate dalle società finanziarie aventi particolari requisiti possono essere accettate anche da Enti Pubblici.
Le società finanziarie solitamente non richiedono il deposito di fondi a garanzia dell’emissione della fidejussione, ma esclusivamente il pagamento del premio.
Le Fideiussioni dei Confidi (Consorzi Collettivi di Garanzia Fidi)
Con la "legge Confidi" ( Legge 24 novembre 2003, n. 326 ) è stato consentito ai Consorzi Fidi di iscriversi all'elenco speciale (ex articolo 107, Dlgs 385/1993), sottoponendosi alla vigilanza prudenziale continua sull'attività e sull'assetto patrimoniale da parte della Banca d'Italia, al pari delle banche. La legge 244/2007 (articolo 1, commi da 124 a 127) ha previsto, in modo uniforme per le diverse tipologie di debito tributario, che il contribuente possa fornire nei confronti dell'erario idonea garanzia mediante "polizza fideiussoria o fideiussione bancaria ovvero rilasciata dai consorzi di garanzia collettiva dei fidi (Confidi) iscritti negli elenchi previsti dagli articoli 106 e 107 del testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, di cui al decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385". I Confidi, quindi, sono in generale legittimati a garantire crediti dell'erario senza limitazioni o particolari ulteriori presupposti rispetto all'iscrizione a uno degli elenchi degli intermediari finanziari tenuti dalla Banca d'Italia. È evidente che con la nuova previsione normativa, il legislatore, tenuto conto degli sviluppi della disciplina dei consorzi di garanzia collettiva dei fidi, ha ritenuto che questi possano ormai garantire - in linea di massima - una sufficiente affidabilità e solvibilità per tutelare l'interesse pubblico alla riscossione tributaria.
Inoltre, a differenza di quanto si verifica per le fidejussioni bancarie e/o assicurative, non è richiesto alcun deposito vincolato di fondi a garanzia , ma soltanto l’adesione al Confidi ed il pagamento del premio.



*I prodotti Assicurativi non vengono proposti direttamente dalla UniPoste SpA, ma col tramite dell'organizzazione tecnica della Digital Broker S.r.l.
C.F./P.IVA: 02719270304 – R.E.A.: UD/282796 | Via Roma, 60 – 33100 UDINE | Via Pitteri, 2 – 33081 AVIANO (PN)

 

   

     

     

     

     

     

 

Contatti

Uniposte S.p.A.
Sede Legale

Via Ludovisi, 35 - 00187 ROMA

Tel. (+39) 06 42037322

Direzione Generale

Via Pio X , 72 - 84043 AGROPOLI (SA)

Tel. (+39) 0974 827010 - 823902

Fax. (+39) 0974 1930165

info@uniposte.it

PEC: uniposte@pec.it

Succursali

Vercelli (VC) - Tangenziale Sud, 13

Moncalieri (TO) - Corso Savona, 69

Aviano (PN) - via Pitteri, 2

Battipaglia (SA) - via Baratta, 116

Capitale Sociale euro 3.500.000,00

P.IVA e C.F. 13176531005 REA RM1428519

Menu

Allo sportello

Spedizioni

Ricariche

Pagamenti

Visure

Finanziari

Prestiti personali

Mutui Ipotecari

Conto di pagamento

Carta di credito

Per il Business

Uni Pos

Web Pos

My Pos

Flickr Galleria Foto

Company profile 2.0